Articolo

Una riflessione da aziendalista sull’emersione anticipata della crisi: quadro attuale e sviluppi futuri


Alberto Quagli
Documento

UnionCamere - Osservatorio semestrale sulla composizione negoziata della crisi d'impresa


Data pubblicazione
04 dicembre 2023

Documenti

TORNA INDIETRO

Due anni dopo l'inaugurazione della procedura di composizione negoziata della crisi d'impresa, si registra un impatto significativo: più di 6.100 posti di lavoro sono stati preservati dal rischio di licenziamento dovuto alla chiusura delle aziende. Delle 502 procedure concluse, 96 hanno avuto un esito positivo, un successo dovuto in gran parte all'intensificazione delle attività negli ultimi tre trimestri del 2023, periodo durante il quale più di una procedura su quattro si è conclusa favorevolmente.

Queste informazioni emergono dalla quarta edizione dell'Osservatorio semestrale sulla composizione negoziata della crisi d'impresa, elaborato dall'Area Servizi per la Finanza e il Sostegno alle Imprese di Unioncamere. Il rapporto è stato presentato il 16 novembre 2023, in occasione del secondo anniversario dell'introduzione di questa procedura, con l'obiettivo di fornire un quadro dettagliato e aggiornato sulla sua evoluzione, analizzando i dati più rilevanti e confrontando l'uso di questo strumento nel tempo.

Un elemento distintivo, come evidenziato dal rapporto, è l'aumento sostanziale nei successi ottenuti con la Composizione negoziata negli ultimi trimestri. Per questo motivo, una sezione specifica dell'Osservatorio è stata dedicata agli esiti positivi, con un focus particolare sull'analisi qualitativa delle imprese che sono state risanate attraverso questo percorso.

Infine, il rapporto si conclude con una serie di proposte di miglioramento. Queste raccomandazioni, emerse dall'esperienza maturata in questi due anni, sono intese a potenziare ulteriormente l'efficacia della Composizione negoziata, al fine di massimizzarne l'effetto e il potenziale di utilizzo.

Consulta i documenti:

Osservatorio semestrale IV edizione - novembre 2023

Comunicato stampa diffuso il 16 novembre 2023