Giurisprudenza

Obbligo di ripianamento delle perdite e insolvenza di un consorzio a partecipazione pubblica


* * *
Documento

A Torino il centenario di Diritto fallimentare, fra passato, presente e futuro


Data pubblicazione
23 marzo 2024

Scarica PDF

Documenti

TORNA INDIETRO

Si terrà a Torino il prossimo 24 maggio il convegno celebrativo del centenario della rivista Il diritto fallimentare e delle società commerciali, fondata appunto nel 1924 e considerata a tutt’oggi la più prestigiosa del settore (oltre che di gran lunga la più antica).

L’evento, dal titolo “Dal diritto fallimentare al diritto della crisi”, si annuncia come in assoluto fra i più rilevanti del 2024, a cominciare dal numero di professori ordinari chiamati a parlare, molti dei quali componenti della direzione nazionale della rivista.

Sul palco siederanno, fra gli altri, i due presidenti delle commissioni di riforma degli ultimi anni, Renato Rordorf e Ilaria Pagni, affiancati dai decani della materia, Alberto Maffei Alberti, Alberto Jorio e Girolamo Bongiorno, insieme a magistrati del calibro di Luciano Panzani, Stanislao De Matteis e Luigi Abete.

Fra i professori in attività spiccano i nomi di molti dei protagonisti del dibattito scientifico degli ultimi lustri (fra cui anche molti membri delle suddette commissioni di riforma): da Stefano Ambrosini a Lorenzo Stanghellini, da Fabrizio Guerrera a Bruno Inzitari, per non dire di due delle maggiori esperte, rispettivamente, di diritto della crisi e di diritto societario, Stefania Pacchi e Giuliana Scognamiglio.

I lavori inizieranno con una relazione  del direttore della rivista, Concetto Costa, affiancato dall’avvocato partenopeo Massimo di Lauro, decano della rivista, a cui faranno seguito alcune tavole rotonde sulle tematiche più dibattute e delicate in materia: controllo giudiziale, tutela dei creditori, diritto societario della crisi e profili processuali.

La scelta di Torino (la cui redazione locale è diretta da Ambrosini) dipende sicuramente anche - per non dire soprattutto - dal fatto che torinese è la casa che ormai da vari anni edita con buon successo la rivista, Giappichelli Editore, che ha organizzato l’importante evento.

La partecipazione al convegno è gratuita, ma occorre prenotarsi su marketing@giappichelli.it.