Articolo

Una riflessione da aziendalista sull’emersione anticipata della crisi: quadro attuale e sviluppi futuri


Alberto Quagli
Giurisprudenza

Concordato liquidatorio semplificato: falcidia di erario e previdenza e autorizzazione alla vendita dell’azienda


Tribunale di Lecce, 30 ottobre 2023.

Data pubblicazione
07 febbraio 2024

Scarica PDF

Giurisprudenza

TORNA INDIETRO

Tribunale di Lecce, 30 ottobre 2023. Pres. Pasca. Est. Barbetta.

Composizione negoziata – Concordato liquidatorio semplificato – Falcidia erario e previdenza – Apporto finanza esterna

Il Tribunale di Lecce ha emesso il provvedimento di omologazione del concordato liquidatorio semplificato in cui era previsto l’apporto di finanza esterna quale effetto di cessione d’azienda. In particolare la società ricorrente era in liquidazione e l’unica soluzione di accesso alla procedura era quella di valorizzare l’azienda attraverso la continuità indiretta per un miglior soddisfacimento delle pretese creditorie.

Il Giudice Leccese ha considerato che I tempi di esecuzione del piano – come detto – sono pressocché contestuali all’omologa dell’istanza atteso che le somme rivenienti da finanza esterna e che coprirebbero quasi interamente l’ammontare delle risorse messe a disposizione per la sua riuscita, sono depositate presso uno studio notarile, con la sola condizione che l’omologa intervenga entro la data del 31.12.2023. Il che garantisce la principale condizione di fattibilità del piano, costituendo l’apporto della finanza esterna di gran lunga la risorsa principale del piano.

Il Giudicante ha poi confermato che gli unici assets dell’attivo siano costituiti dalle sole immobilizzazioni immateriali non suscettibili di autonoma collocazione rispetto all’azienda cui si riferiscono. Pertanto il Tribunale condivide la convenienza del piano concordatario proposto rispetto all’alternativa liquidatoria.

Detto provvedimento rileva sotto diversi profili e in particolare rispetto alla falcidia verso l’Erario e gli Enti Previdenziali rispettivamente del 96% e del 94%, superando qualunque tipo di beneficio eventualmente rinvenibile dall’applicazione dello strumento della transazione fiscale e contributiva.

Segnalazione dell’avv. Luca Calò del Foro di Milano